Design in camera da letto

Design in camera da letto: come arredare

Quando si pensa ad una abitazione di uso domestico, sono numerose le stanze e gli ambienti che vengono subito in mente. La cucina, tanto per fare un esempio, è lo spazio che, più di tutti gli altri, solitamente viene accostato a pensieri e ricordi concernenti la famiglia: il fatto di sedersi intorno ad una tavola per mangiare, per prendere parte ai pasti a pranzo e a cena, per molti ha rappresentato il punto di incontro dei vari membri della famiglia, una sorta di cemento che ne ha unificato i rapporti. Il bagno, di contro, è un luogo dove, benché principalmente sia dedicato all’espletazione dei propri bisogni fisiologici, ci si può anche rilassare un po’ e riprendere dalle varie fatiche del lavoro, magari sotto una bella doccia refrigerante o, meglio ancora, con un bel bagno caldo, magari con idromassaggio.

Design in camera da lettoChiaramente, però, se si pensa al riposo o al relax, il primo ambiente domestico che vola subito alla mente, quello principale in tal senso, è certamente la camera da letto. Dedicata al sonno, una buona stanza da letto rappresenta anche una sorta di punto di incontro fra i due coniugi, e, benché tradizionalmente la si pensi come ad una semplice camera dotata di un letto, un armadio e due comodini, essa in realtà può diventare molto più di questo.

Non per nulla, una stanza da letto può oggi avere moltissimi aspetti, può variare parecchio a seconda delle esigenze, delle abitudini e dei bisogni di ognuno. Variabili fondamentali da prendere assolutamente in considerazione, sicuramente, sono sia quelle economiche, sia quelle spaziali. Prima di decidere in che modo arredare la propria camera de letto, infatti, bisogna considerare quelli che sono i propri risparmi, le proprie possibilità e le proprie disponibilità economiche. Un maggior budget comporta, ovviamente, una spesa che può essere votata su scelte di lusso e di confort. Viceversa, con un budget minore bisogna necessariamente scendere incontro a dei compromessi, sebbene si possa comunque garantire una certa qualità, specie oggigiorno, in tempi in cui le alternative non mancano.

Va valutato, ovviamente, anche quello che è lo spazio: se esso è ampio, le possibilità sono maggiori e, all’occorrenza, possono diventare importanti anche nella realizzazione di varie “sottostanze”: c’è chi, ad esempio, preferisce avere un piccolo bagno proprio di fianco alla propria camera da letto, mentre, soprattutto per quanto riguarda le donne, oggigiorno non è raro trovare una cabina armadio al posto del classico armadio. In questo caso specifico, infatti, è possibile ordinare i propri indumenti, accessori e scarpe con maggior criterio e con grande serenità.

Parlando invece della mobilia e dell’arredamento in sé e per sé, molto ovviamente dipende dai gusti di ciascuno e dalle sue esigenze. Le tendenze degli ultimi anni, a tal proposito, hanno visto un certo fiorire degli stili moderni e squadrati, spesso molto raffinati ed eleganti. Ciò, tuttavia, secondo il parere di alcuni individui più tradizionalisti, può comportare anche ad una certa “freddezza”, una perdita di personalità ed una scarsa possibilità di personalizzazione.

Camera lettoPer chi, appunto, ama la tradizione, le varianti sono molteplici: si può andare da un classico letto in ferro battuto ai vari mobili, come armadio, comò e comodini, dall’aspetto legnoso e decisamene rustico.

Anche il letto in sé può presentare una larghissima serie di alternative: si può andare, ad esempio, da un più classico materasso, che può essere di vari tipi, a quello ad acqua, che invece presenta molte più varianti e che, nei casi migliori, può persino dare la possibilità di modificare a piacimento la temperatura.

Anche gli elettrodomestici, oltre a garantire un certo confort, possono diventare parte integrante del design di una camera da letto: si pensi, ad esempio, ai più innovativi televisori di oggi, dallo schermo ultrapiatto, che ben si adattano ad un ambiente dallo stile particolarmente moderno. O ancora, anche ad un climatizzatore, che, se fino a qualche anno fa poteva risultare antiestetico, ad oggi, con i giusti accorgimenti, può anche diventare piuttosto gradevole alla vista.

Anche per i colori, per le tonalità e per le pareti in generale, molto dipende dai gusti personali. I muri possono presentare una pittura classica dalle tonalità più o meno sgargianti (ma in generale è preferibile usare colori non troppo forti, dal momento che, principalmente, la stanza da letto è adibita al dormire), oppure possono avere un effetto a stucco (che darà pareti lisce al tatto) o spugnato (che viceversa risulteranno più ruvide). C’è poi chi preferisce elementi decorativi come i quadri, che però vanno adattati al giusto contesto dell’ambiente (un quadro dal gusto classico, probabilmente, farebbe a pugni con una camera di stile moderno, e viceversa), o chi non vuole rinunciare alla comodità di uno specchio molto grande. Insomma, le alternative non mancano di certo.


Comments are closed.